Share Button

Roberto-Naldi_Giuseppe-Rossi_Ted-TengUna bella soddisfazione per la catena alberghiera Roberto Naldi Collection che si è aggiudicata l’Happy Guest Award 2016, per lo Splendide Royal, di Lugano.

Il riconoscimento, uno dei più ambiti, è stato assegnato a Buenos Aires, nel corso dell’annuale congresso di The Leading Hotels of the World, l’associazione che raggruppa i migliori 400 alberghi del mondo.

A consegnarlo nelle mani del proprietario e presidente Roberto Naldi e del direttore dello Splendide Giuseppe Rossi, è stato il presidente della LHW, Ted Teng.

Roberto Naldi, di origini napoletane, ha l’hôtellerie nel suo Dna. Nato in una famiglia di albergatori, terminata l’università, nel 1977   per studiare management alberghiero , si trasferisce a Lugano dove il padre ha acquistato lo Splendide Royal, storico hotel   in stile Belle Epoque, a cui aggiungerà, nel 1984, il Grand Hotel Eden.

In breve tempo impara tutte le discipline e la pratica dell’hôtellerie svizzera, che sviluppa e completa con quell’innata eleganza tipicamente italiana.

Nel 1985 fonda la Roberto Naldi Hotels con i due hotel di Lugano e il Parco dei Principi di Roma, progettato dall’architetto Giò Ponti nel 1964 e ispirato alle ville patrizie romane. Nel 2001 si aggiunge, sempre a Roma, lo Splendide Royal, antico monastero trasformato   con grande passione e competenza in hotel di lusso.

Nel 2011 il gruppo cambia nome. Diventa Roberto Naldi Collection che meglio identifica alberghi di lusso dal carattere fortemente italiano e dallo spirito internazionale.

L’anno successivo viene inaugurato l’Hotel Mancino 12, nel quartiere romano Trevi. E’ un boutique hotel di cinque piani, con tre camere ogni piano, eccetto l’ultimo con un’unica, esclusiva suite dotata di balconcino panoramico sulle affascinanti terrazze della capitale.

Infine nel 2016 Roberto Naldi inaugura lo Splendide Royal Paris, la sua ultima “creatura”. E proprio come a un figlio rivolge particolare attenzione. Lo chiama affettuosamente “la mia dimora familiare” e si propone di farlo diventare l’ambasciatore della sua collezione in Francia nonché vessillo dei suoi valori e della sua identità.

La filosofia di Roberto Naldi, infatti, è di riuscire a conservare nelle varie strutture le caratteristiche proprie, specifiche della loro storia e del loro ambiente. Obiettivo perfettamente raggiunto grazie anche all’aiuto di validi manager capaci di valorizzare e gestire al meglio gli hotel.