Share Button

ALLIANCE FOR HOSPITALITYUna camera d’albergo su cinque viene prenotata con uno smartphone o un tablet. Non è una notizia che stupisce, dato che nel mondo il 40 per cento della popolazione si collega a Internet, mentre solo  sei anni fa gli internauti erano meno del tre per cento. Con le app si può prenotare un soggiorno in albergo, fare il check  in, scoprire itinerari piacevoli. E questo non interessa solo l’utente finale che, nel giro di una ventina d’anni, ha rivoluzionato il suo modo di viaggiare. L’uso di internet è diventata una strategia vincente per gli operatori del turismo.  Non solo il digitale è importante per darsi visibilità, ma anche per avere informazioni sulla clientela possibile, sulle modalità di prenotazione preferite, per organizzarsi meglio, soprattutto spendendo meno. Gli hotel in Italia, secondo uno studio Kalibrì Labs,  hanno dei costi per farsi conoscere quattro volte superiori a quelli delle compagnie aeree. Alliance for Hospitality, con il suo network di professionisti vuole dare un servizio il più dettagliato possibile, grazie al programma Amadeus Travel Intelligence, e cioè fornire dati sulle prenotazioni aeree ma anche su quello che avviene negli hotel del mondo, produrre confronti e statistiche, proporre strategie alternative ecc. Periodicamente, per esempio, organizza seminari di formazione per general manager e direttori marketing di alberghi super stellati.  Il prossimo sarà a Roma, all’Hotel Majestic di Via Veneto, giovedì 9 febbraio dalle 14,30 alle 17.

foto: AfH