Share Button
luoghi oscurati

Eritrea, Mar Rosso, Isole Dahlak. Ragazzina dell’isola di Dohul. Ph Daniele Pellegrini

Nell’ambito della mostra Viaggio. La scoperta di nuovi orizzonti, Il Tucano Viaggi Ricerca, organizzazione nata nel 1997 che si occupa di viaggi di alto profilo e impegno culturale, propone un itinerario di immagini uniche esposte nelle mostre Luoghi oscurati e Terra, tra Palazzo Ferrero, Palazzo Gromo Losa e Palazzo La Marmora a Biella.

luoghi oscurati

Afghanistan, 1976. Kabul. Il famoso gioco afghano del Buzkashì, disputato da squadre di cavalieri. Ph Daniele Pellegrini

Negli ultimi anni lo scenario internazionale è cambiato e sono molti i territori non più visitabili: la mostra fotografica Luoghi Oscurati, a cura della Neos – Giornalisti di Viaggio, associazione che raggruppa una cinquantina di professionisti del settore, punta i riflettori su 10 Paesi “oscurati” dalla situazione sociale e politica, dagli integralismi religiosi e dalle guerre. Luoghi che fanno parte del bagaglio del viaggiatore e sono importanti per la storia dell’Umanità. Da non dimenticare anche per la loro bellezza, i loro monumenti, i loro paesaggi, le loro popolazioni, la loro cultura. Giornalisti fotografi e scriventi dell’associazione hanno raccontato con immagini e scritti Afghanistan, Algeria, Birmania, Eritrea, Iraq, Iran, Libia, Siria, Sudan, Yemen, Paesi di cui oggi si sente parlare solo per i loro problemi devastanti, ma dei quali in questa occasione si racconta l’incanto. L’esposizione è un omaggio a grandi civiltà del passato e un auspicio affinché riprendano presto il posto che spetta loro nella comunità dei popoli.

Palazzo Ferrero – Corso del Piazzo 25 – Biella

SALGADO TERRA

Sebastiao Salgado TERRA

La mostra corale prosegue con Terra. Le immagini che uno tra i più grandi fotografi del mondo, Sebastiao Salgado, ha messo a disposizione per solidarietà con il “Movimento Sem Terra” (MST) del Brasile, il suo Paese, ci conducono attraverso un viaggio intenso nella realtà della terra in Brasile. Quarantacinque scatti in bianco e nero che mostrano il lavoro quotidiano di milioni di contadini, gli effetti della concentrazione della proprietà terriera, l’esodo verso le città e la vita nelle favelas, i conflitti e la violenza intorno alla terra e la lotta dei contadini senza terra per recuperare il bene perduto e, con esso, la dignità del lavoro.

Temi che fanno riflettere sul pianeta e su quello che l’uomo ha voluto farne, distruggendo in parte quello che c’era e impedendo di vedere quello che ancora resiste: per fortuna, le immagini e le storie di forte impatto della mostra fanno alzare lo sguardo oltre.

Palazzo Gromo Losa – Corso del Piazzo 24 – Biella

Viaggio. La scoperta di nuovi orizzonti

8 luglio – 10 settembre

Orari di apertura:

venerdì e sabato dalle 15.30 alle 19

domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 19

La biglietteria è solo a Palazzo Ferrero; il biglietto è valido per un solo ingresso a ogni singola sede espositiva e sarà in vigore per tutta la durata dell’apertura della mostra (all’ingresso di ogni sede espositiva sarà convalidato).

Biglietto unico d’ingresso per le tre sedi espositive:

intero 6 euro

ridotto 5 euro

IL TUCANO VIAGGI RICERCA

Piazza Solferino, 20 -10121 Torino

tucanoviaggi.cominfo@tucanoviaggi.com

NEOS Giornalisti di viaggio associato

Piazza Castello 9 – 20121 Milano

neosnet.itsegreterianeos2@gmail.com