bristol
Facciata Bristol

Un albergo Belle Epoque in Riviera Ligure e tre piacevoli appuntamenti prima dell’estate. Siamo al Grand Hotel Bristol in quel tratto di Via Aurelia che dal centro di Rapallo porta a Zoagli. Il 27 aprile, il 25 maggio e il 1° giugno sono programmati tre aperitivi con dj set e musica dal vivo. Seguono al primo del 31 marzo, che è stato un vero successo. Il perché è semplice e solo in parte dovuto alla superba vista sul golfo Tigullio. Il maggiore responsabile è quel perfetto mix di tradizione e novità. Per cui nel salone affacciato sulla terrazza, che ha visto in passato magnati e teste coronate, le grandi vetrate a riquadri in legno e i lampadari a gocce convivono con un nuovo parquet con inserti-tappeti e un bar più che contemporaneo. E poi poltrone in pelle di un rosso non classico e cornici volutamente kitsch per fotografie e selfie, ideali per millennial e non solo.

Bristol
Vista Bristol

Anche la musica è in linea, pezzi attuali e cover degli anni ‘70 e ‘80. Pure drink e appetizer si adeguano al mix. I piatti della cucina tradizionale soprattutto ligure, pesto compreso, sono rivisti dallo chef in chiave finger food. Mentre il barman si sbizzarrisce in rivisitazioni dei grandi cocktail. Mette Bénédictine e menta fresca nello Spritz di Primavera. Aggiunge sciroppo di lavanda per il Daiquiri di Donna, e con cardamomo e liquore all’assenzio trasforma il Negroni in The Young Boy.

Grand Hotel Bristol Resort & SPA 

Rapallo GE

grandhotelbristol.it

Luisa Espanet

Luisa Espanet

Giornalista per 11 anni a Vogue e per uno caporedattore di un settimanale popolare per teenager (giusto per le pari opportunità). Da freelance ha collaborato per varie testate, Madame Figaro e Marie Claire Corea compresi, Washington Post e Asahi Shimbun esclusi. Ha un blog: L’Espa.net. Ha pubblicato un libro sulle valigie.
Luisa Espanet

Latest posts by Luisa Espanet (see all)

Luisa Espanet
Giornalista per 11 anni a Vogue e per uno caporedattore di un settimanale popolare per teenager (giusto per le pari opportunità). Da freelance ha collaborato per varie testate, Madame Figaro e Marie Claire Corea compresi, Washington Post e Asahi Shimbun esclusi. Ha un blog: L’Espa.net. Ha pubblicato un libro sulle valigie.
Vai alla barra degli strumenti