Popoli e animali: affascinanti creature che attirano la nostra attenzione quando, viaggiando, cerchiamo il sapore di stuzzicanti sorprese di diversità irripetibili e seducenti. Nella loro immobile fierezza, sono  i protagonisti della  mostra fotografica di Cristina Mittermeier, nella sede torinese di Gallerie d’Italia fino al 1° settembre.  Intitolata La grande saggezza e curata da Lauren Johnston con National Geographic, presenta immagini così perfette da sembrare surreali.

Non è un inventario di stranezze etniche e naturalistiche. La ricerca di Cristina Mittermeier, ispirata anche dai romanzi di Emilio Salgari, con le sue esperienze di fotografa e biologa marina, coltiva il principio dell’abbastanza (enoughness) in opposizione all’ebrezza dell’abbondanza.

<La società del benessere, sostiene, ha sottratto e distorto risorse e saperi>. La grande saggezza si riferisce invece a molte pratiche tradizionali tramandate nel tempo nel rispetto dell’ambiente. <La saggezza del passato ci insegna a guardare al futuro…. I beni materiali e l’affermazione sociale non sono gli unici fattori determinanti della nostra felicità e realizzazione>.

Catalogo Skira in edizione bilingue e approfondimenti nella sezione Inside del sito https://gallerieditalia.com/it/torino/

L’ altra rassegna torinese emerge per le opere inedite in Italia degli artisti invitati dal direttore del Museo Fico Andrea Busto per Afrika Now fino al 30 giugno. Per ciascuno di loro vengono pubblicati cataloghi. Info  www.museofico.it

Bouvy Enkobo, originario della Repubblica Democratica del Congo, lavora anche in Francia e propone opere di pittura e carta di manifesti raccolti per strada. Suggestive le sculture di Victor Fotso Nyie. Nato in Camerun, lavora in Italia dove ha esposto alla Biennale di Venezia.  È nato in Guadalupa e si è trasferito a Parigi Elladj Lincy Deloumeaux che indaga sulla spiritualità delle culture afro-caraibiche e sul proprio viaggio iniziatico dal buio dell’ignoranza alla luce della consapevolezza.

Anche Salifou Lindou ha esposto alla Biennale di Venezia. Vive e  lavora in Camerun ed è promotore di eventi artistici. La sua ricerca è rivolta prevalentemente all’evoluzione sociale del suo Paese.  James Mishio vive e lavora in Ghana e denuncia in particolare l’ingiustizia che riguarda la discriminazione verso gli uomini con i capelli rasta. <Spesso etichettati con commenti omofobi, o come criminali … che non possono essere accettati nel mondo del lavoro>. Come è capitato a lui.

 

Cristina Mittermeier. La dama e l’oca.

 

Cristina Mittermeier. Bubblegum.

 

Fotso Nyie.

 

Mishio. Reflection in perspective.

Redazione NEOS

Latest posts by Redazione NEOS (see all)