Si è conclusa questa mattina a Sharm-El-Sheikh la conferenza internazionale COP 27 organizzata dalla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC) che costituisce il principale accordo internazionale sull’azione per il clima raggiunto nel 2015 a Parigi e dall’Egitto, padrone di casa. Una conferenza di dimensioni faraoniche, come si conviene al paese ospitante, con la partecipazione di oltre 160 nazioni e 45 mila visitatori.

A fianco delle aule destinate alle conferenze, tutte dotate di sistemi di traduzione simultanea e di immensi schermi LED che hanno ormai sostituito i vecchi video-proiettori, vi erano numerosissimi stand dei paesi partecipanti tutti realizzati con impiego di raffinate tecnologie e di eleganti soluzioni architettoniche. A fianco della zona propriamente destinata ai convegni e denominata Blue Zone era stata allestita una zona più ricreativa chiamata Green Zone per il grande pubblico che vi era ammesso liberamente, previa registrazione. Imponenti ed efficaci le misure di sicurezza che hanno permesso lo svolgersi di questa straordinaria manifestazione senza il minimo incidente.

Sul piano mediatico un indiscutibile successo mitigato, però, dalla mancanza di un vero accordo per il contenimento dell’aumento della temperatura del pianeta che, secondo gli accordi di Parigi, dovrebbe ridursi entro il 2030 del 55% rispetto ai livelli del 1990. E’ stato trovato invece un difficile accordo sugli aiuti da fornire ai paesi più poveri e colpiti dal cambiamento climatico. Il Presidente di COP 27 Sameh Shoukry, Ministro degli Esteri dell’Egitto, ha concluso la manifestazione con queste parole: «Lasciamo ShEl-Sheikh con rinnovata speranza nel futuro del nostro pianeta, con una volontà collettiva ancora più forte e più determinazione per raggiungere l’obiettivo di temperatura dell’Accordo di Parigi».

Daniele Pellegrini

Daniele Pellegrini

Nato nel 1945, fotografo documentarista, Daniele Pellegrini ha dedicato tutta la vita alla fotografia di viaggio. È stato iscritto nel Guinness dei Primati per aver compiuto il primo giro del mondo in camion (1976-’79).Ha prodotto oltre 200 grandi reportage lavorando per vent’anni come fotografo di staff del mensile Airone.Ha collaborato con le più importanti testate italiane e internazionali.
Daniele Pellegrini

Latest posts by Daniele Pellegrini (see all)

Alberto Siliotti

Alberto Siliotti

Giornalista, fotografo, documentarista e direttore editoriale di Geodia Edizioni. Specializzato in turismo archeologico e naturalistico, in particolare modo sul Medio Oriente, Mar Rosso ed Egitto, paese sul quale ha pubblicato oltre venti libri e guide. Ha collaborato con numerose riviste naturalistiche ed archeologiche (Archeologia Viva, Airone, Quark) e da oltre vent’anni con l’America University in Cairo per la quale ha creato la celebre collana Egypt Pocket Guides, guide illustrate tascabili con oltre quindici titoli in cinque lingue. Esperto del Sahara e dei Parchi Nazionali dell’Egitto ha diretto numerose spedizioni scientifiche nel Sahara e collabora con IUCN, UNDP, la Cooperazione Italiana allo Sviluppo e il Ministero Egiziano dell’Ambiente, enti per i quali ha realizzato le mappe e le guide del White Desert National Park, del Gilf Kebir National Park e dello Wadi el Gemal National Park.
Alberto Siliotti

Latest posts by Alberto Siliotti (see all)