Share Button

In viaggio sulle Strade del Vino di tutto il mondo: dalla California al Sud Africa, dalla Borgogna all’Italia, e poi nelle cantine più prestigiose dove anche gli architetti si esercitano, talvolta con scarsa efficacia, fino agli argini del Canale Cavour che da oltre 150 anni è al servizio del triangolo d’oro del riso in Europa ( Vercelli- Novara Pavia). Sono questi i temi del seminario di aggiornamento sull’informazione di viaggio dedicata all’enogastronomia organizzati da Aset e Neos per l’Ordine dei Giornalisti Toscana, all’Auditorium della Cassa di Risparmio il 9 giugno di Firenze.
Durante i lavori si è anche sottolineato il ruolo professionale degli uffici stampa di settore e della loro organizzazione. Particolarmente interessanti sono state le riflessioni sul turismo di massa e le sue conseguenze sociali e culturali per luoghi celebri trasformati in mercatini di souvenir.
Sono intervenuti Paolo Valdastri, giornalista, Aset (Associazione stampa enogastroalimentare toscana), Irene Cabiati giornalista (La Stampa) e socia Neos, Giornalisti di Viaggio Associati (nella foto); Francesca Pinochi, giornalista Aset e sommelier e Donatella Cinelli Colombini, docente universitaria di Turismo del vino e fondatrice del Movimento Turismo del Vino e Cantine Aperte.

I.C.