Dall’ex Andhra Pradesh al Kerala. Un ritorno dopo anni, in un paese sconvolto dal capitalismo rampante e dalla globalizzazione. Ma che riesce comunque a stupire e ad affascinare con la cultura, la  religiosità, la storia, la natura e la gente.

Dopo otto anni sono tornato in India. I cambiamenti sono eclatanti. L’India degli anni Ottanta,  quando ho iniziato ad andarci, è un lontano ricordo. Almeno per quanto riguarda i grandi centri urbani, le infrastrutture, la viabilità, il consumismo, lo sviluppo economico e il tenore di vita.  E’ un’ India sconvolta dal capitalismo rampante e dalla globalizzazione, dalla ricerca del profitto a tutti i costi e da una classe politica corrotta e rissosa. Le elezioni di fine aprile l’hanno regalata  alla destra integralista indù guidata dal Bjp. I Naxaliti sparano nelle giungle dell’Orissa, del Jharkhand, del Chhattisgarh e del Bengala Occidentale in nome di Mao e contro le multinazionali del carbone e dell’acciaio che riducono gli adivasi, i tribali autoctoni dei luoghi, in semi schiavitù, espropriandoli delle terre e inquinano irrimediabilmente l’ ambiente. Dappertutto un traffico impazzito che le nuove strade e  le troppe auto rendono inestricabile agli occhi di un occidentale. Ma anche immondizie, rifiuti e residui di plastica ovunque. Qui la raccolta differenziata è un’utopia da paesi ricchi. Il riciclo è affidato agli ultimi della terra, gli intoccabili, che si aggirano nel girone infernale di discariche infinite.

India.wHyderabad.Golconda Forte 2 copia
Hyderabad. Forte Golconda (foto di Pietro Tarallo)

Ma l’India riesce comunque a stupire e ad affascinare con la cultura, la  religiosità, la storia, la natura e la gente. Occorre andare oltre il velo di maya. Come ancora una volta ho cercato di fare in questo viaggio.  Ho visitato l’ex Andhra Pradesh con i luoghi del Buddha e i grandi templi indù, i centri di Care & Share nei pressi di Vijayawada, costruiti dagli inizi degli anni Novanta in poi per accogliere minori abbandonati e il Somatherram Auyrvedic Health Resort, affacciato sulla spiaggia di Chowra, a pochi chilometri a sud di Kovalam, nella parte meridionale del Kerala, oasi di pace  dove ritrovare se stessi nel segno dello yoga e della sapienza antica della medicina auyrvedica.

Leggi gli altri Articoli del Reportage: Prima Parte – Seconda Parte – Terza Parte – Quarta Parte

 

Pietro Tarallo

Pietro Tarallo

Pietro Tarallo vive e lavora a Pieve Ligure, paesino sul mare vicino a Genova. Prima pubblicitario, poi insegnante, infine giornalista e viaggiatore, ha collaborato con numerose riviste, settimanali e quotidiani nazionali. 
Si è aggiudicato alcuni premi nazionali e internazionali, tra cui: Un libro per il Turismo, 1991; PATA, 1993; Pluma de Plata de Mexico, 1994; Premio per migliore Guida Turistica e Premio Adutei, 1995; XVIII Premio Letterario Castiglioncello-Costa degli Etruschi, 1995; Premio per il miglior articolo della stampa estera su Singapore, 1996; Premio eco-turismo Giandomenico Ducali, 2005; Premio Camogli, 2008; Menzione speciale del Premio Chatwin come autore di guide e Premio Il Gambero Rampante-Santa Margherita, 2009. 
Organizza ogni anno Il Salotto del Viaggiatore, presso Bagnara Gallery, via Roma 8, secondo piano, Genova, tel. 010.5957565, www.gigliobagnara.it, dove parla dei suoi viaggi.
Pietro Tarallo

Latest posts by Pietro Tarallo (see all)

Tags : Asia
Pietro Tarallo
Pietro Tarallo vive e lavora a Pieve Ligure, paesino sul mare vicino a Genova. Prima pubblicitario, poi insegnante, infine giornalista e viaggiatore, ha collaborato con numerose riviste, settimanali e quotidiani nazionali. 
Si è aggiudicato alcuni premi nazionali e internazionali, tra cui: Un libro per il Turismo, 1991; PATA, 1993; Pluma de Plata de Mexico, 1994; Premio per migliore Guida Turistica e Premio Adutei, 1995; XVIII Premio Letterario Castiglioncello-Costa degli Etruschi, 1995; Premio per il miglior articolo della stampa estera su Singapore, 1996; Premio eco-turismo Giandomenico Ducali, 2005; Premio Camogli, 2008; Menzione speciale del Premio Chatwin come autore di guide e Premio Il Gambero Rampante-Santa Margherita, 2009. 
Organizza ogni anno Il Salotto del Viaggiatore, presso Bagnara Gallery, via Roma 8, secondo piano, Genova, tel. 010.5957565, www.gigliobagnara.it, dove parla dei suoi viaggi.
Vai alla barra degli strumenti