Agosto, deserto nelle città, edicole chiuse. C’è purtroppo anche un giornale che è chiuso: La Gazzetta del Mezzogiorno ha pubblicato il suo ultimo numero con un titolo a tutta pagina che è carico di speranza “Arrivederci“. Il giornale di Puglia e Basilicata, 134 anni di storia, nato nel 1887 e protagonista di tante battaglie per il Sud, spera di non perdere la sua nuova battaglia per la riapertura.

La sospensione delle pubblicazioni è intervenuta dopo la scadenza del bando di affitto di ramo d’azienda che era prevista per il 31 luglio. La corsa contro il tempo per la votazione dei creditori e la successiva vendita è finita nelle maglie della burocrazia italiana. E’ intervenuta la  mancata accettazione  della proroga dall’editore affittuario.

Il comitato di redazione auspica il più rapido ritorno dell’informazione della Gazzetta nelle edicole. Possibile, approntando, grazie a procedure straordinarie, la formula necessaria sul piano giuridico per un immediato ripristino della produzione, che garantisca la presenza della testata nelle edicole del territorio.

Si legge sul sito del giornale e sull’ultimo numero: “Dopo anni di incertezze e tribolazioni, nonché di stipendi non ricevuti e di una sostanziale precarizzazione dell’esistenza dei giornalisti del Gazzetta, l’unica via per il rilancio della testata passa dal completamento della procedura fallimentare nel minore tempo possibile, affinché l’aggiudicazione della testata consenta ad una compagine imprenditoriale di garantire i livelli occupazionali e salariali dei giornalisti, la continuità del giornale e un serio piano di rilancio. (…) I lavoratori hanno subito l’ennesima tegola sulla testa con la beffa di apprendere, a poche ore dalla scadenza del contratto di affitto, la notizia della fine imminente delle attività editoriali. Riteniamo sia arrivato il tempo di dare certezze al giornale e di pretendere verità e correttezza da parte di tutti gli imprenditori interessati a rilevare la testata“.

Federazione nazionale della Stampa Italiana e Associazioni di Stampa di Puglia e di Basilicata ribadiscono la necessità di moltiplicare gli sforzi da parte di tutti affinché la Gazzetta del Mezzogiorno torni al più presto in edicola. Nel rispetto delle procedure di legge, il sindacato dei giornalisti ritiene indispensabile prendere in considerazione tutte le proposte utili a consentire la ripresa delle pubblicazioni.  Come già in passato, i giornalisti sono pronti a fare sacrifici mettendo a disposizione il loro lavoro pur di garantire la continuità dell’informazione in Puglia e Basilicata.

Tocca al tribunale e alle curatele fallimentari verificare la fattibilità di soluzioni ponte dopo il diniego della Ledi alla prosecuzione dell’affitto. Riportare la gazzetta in edicola deve essere una priorità assoluta“. Due le proposte di acquisto sul piatto: tra tristezza e speranza, il giornale è quindi vitale, appetibile e ha voglia di vincere la sua ennesima battaglia.

Redazione Neos

Redazione Neos

Redazione Neos

Latest posts by Redazione Neos (see all)