sri lanka

Un anno fa, dopo gli attentati di Pasqua che sconvolsero tutta l’isola e provocarono circa 300 morti, mi sono recato in Sri Lanka su invito del Ministero del Turismo. Potete leggere il reportage sul nostro sito.

Ho avuto così l’occasione di conoscere Jude Marsalin (Management Assistant Sri Lanka Tourism Promotion Bureau), che ha vissuto alcuni anni a Genova, città a cui è rimasto profondamente legato.

Gli ho scritto per avere sue notizie e sapere come la pandemia abbia coinvolto anche il suo paese. Ecco cosa mi ha risposto. Pietro Tarallo

sri lanka
Sri Lanka Kandy Tempio dente del Budda Offerte a Bhudda

Sono felice di sentirti in questa situazione del Coronavirus. Spero che tu sia al sicuro a Genova. Ogni giorno guardo le News della Tv locale con la speranza di ascoltare buone notizie dall’Italia, il paese in cui ho vissuto per diversi anni.

Sono stato scioccato per la situazione grave che avete vissuto. Per fortuna ora sento che l’Italia torna lentamente alla normalità.

Nello Sri Lanka il nostro governo ha realizzato con tempestività un piano per bloccare la diffusione del COVID 19, chiudendo il paese nella fase iniziale. Lockdown che è ancora in vigore. Qui ci sono state per fortuna solo 238 persone infette, di cui 65 guarite, ricoverate in 28 ospedali e centri predisposti per la quarantena, e 7 morti. I prezzi dei beni di prima necessità sono stati calmierati. Mi auguro che il governo allenterà il blocco il mese prossimo, ma lentamente.

Il turismo, ovviamente, purtroppo è fermo. Non sono stati fatti piani per il suo rilancio nei mesi futuri. Anche se si è iniziato a parlarne. Appena saranno pronti te li comunicherò affinché tu possa condividerli con tutti gli amici italiani della Neos.”

Un anno dopo l’attentato di Pasqua in Sri Lanka (21 aprile) esce questo documentario di due giovani torinesi, Matt Sclarandis e Riccardo Bianco, in arte The Tale Brothers, che condividiamo con voi.

Le loro parole spiegano la loro motivazione:

Oggi, esattamente un anno fa, un gruppo di estremisti ha fatto esplodere chiese e hotels in Sri Lanka. Sono più di 250 i morti e centinaia i feriti.

Otto mesi dopo siamo andati a trovare 4 famiglie,
vittime di questi tragici eventi. Guardando semplicemente il nostro documentario
potrai direttamente aiutare queste famiglie.

L’idea alla base del concetto di The Tale Brothers è di usare il
potente strumento dello storytelling e il reportage per supportare grandi cause.

Diamo il 50% alla causa che sosteniamo in ogni breve documentario.
Reinvestiamo l’altro 50% nella produzione del prossimo,
aiutando così la causa successiva.

 

 

Redazione Neos

Redazione Neos

Redazione Neos

Latest posts by Redazione Neos (see all)

Vai alla barra degli strumenti