Difficile parlare di un libro che si legge e intriga come un romanzo, è zeppo di informazioni su letteratura, cinema, storia come la più corposa bibliografia, suggerisce cosa vedere, dove mangiare, dove dormire come la più affidabile delle guide. Questo è Citta da sfogliare, scritto dal nostro socio Riccardo Jannello. Le città sfogliate, in Europa e nelle Americhe, sono ventisei distribuite su ventisette capitoli, in quanto di una, Lisbona, si parla in due capitoli. Per ogni città il riferimento è un personaggio, soprattutto della letteratura, con gli occhi del quale Jannello racconta la città. Come spiega il sottotitolo. Per i grandi lettori la scelta di questi può sembrare prevedibile fino al banale, ma di fatto, quello che dicono o meglio quello che l’autore fa dire a loro non lo è per niente, anzi stimola ad approfondire l’argomento. In sostanza a prenotare un viaggio in quella città. Certo che si scelga per Vienna lo sguardo di Arthur Schnitzler e di Sigmund Freud o si faccia riferimento ad Angelo Maria Repellino per Praga o a Hemingway per l’Avana è abbastanza scontato. Ma una Parigi che va da Enrico IV, per cui valeva una messa, fino alla famiglia Malaussène di Pennac, non è così naturale. Come non lo è per i cantori di Copenhagen, dall’Amleto Shakespeariano a Dan Turèll, passando per Karen Blixen. Scritto con la curiosità del cronista, quale Jannello è stato ai suoi inizi nel giornalismo, e la passione del viaggiatore, con quel speciale sense of humour, che uno se non ce l’ha non se lo può dare, il libro riesce a superare qualsiasi rischio di caduta nel saggio storico-letterario o nell’ovvietà della guida.

Riccardo Jannello

Città da sfogliare

Tarka Editore

208 pagine

16,15 euro

Redazione NEOS

Latest posts by Redazione NEOS (see all)