Una mostra sul Karakorum è stata inaugurata ieri a Chiavari negli spazi di Palazzo Roccae nel vicino Auditorium S. Francesco , messi a disposizione dal Comune di Chiavari e dall’Assessorato alla Cultura. Incentrata sulla spedizione Karakorum 2017 del ricercatore chiavarese (e socio Neos)  Marcello Sanguineti, sulle montagne delle valle del Kondus e Kaberi, al confine tra Pakistan e India, non tratta solo di alpinismo ed esplorazione.

Con immagini, video, dibattiti affronta tematiche legate all’ambiente, parla  degli  aspetti geopolitici  legati al conflitto del Siachen, a 6500 metri di quota tra Pakistan e India, considerato il più alto campo di battaglia della storia. Documentato questo dalle immagini dell’himalaysta indiano Harish Rapadia.

Tra le foto quelle  di Marcello Sanguineti,  di Luca Cavalli e Michele Focchi che, insieme per l’apertura di quella via in occasione della spedizione, hanno ottenuto la nomination ai Pioltes d’Or, massimo riconoscimento alpinistico internazionale. Molto interessanti le foto “storiche” di Dieter Hilliges che raccontano la spedizione tedesca del 1964, la prima a operare nell’alta Valle Kondus.

La mostra aperta dalle 16 alle 19 e sabato e nei festivi dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19, resterà chiusa il giorno di Natale e chiuderà il 21 gennaio.