Villa Marigola – ph. Dario Fusaro – Courtesy Crédit Agricole

Che l’attrazione della Liguria non sia solo il mare, ma anche i giardini, sono in molti a saperlo. Ma che gli inglesi ne siano stati tra i primi estimatori e abbiano contribuito alla loro valorizzazione pochi ne sono a conoscenza. Il convegno Il Paradiso degli inglesi nella Riviera Ligure. Storie, paesaggi e persone il 25 e il 26 marzo a Villa Marigola di Lerici lo svela nei particolari.

Organizzato da Associazione Amici di Villa Marigola Golfo de Poeti con Grandi Giardini Italiani e il patrocinio del Ministero della Cultura della Regione Liguria e del Comune di Lerici, fa luce su quanto creato dagli inglesi, naturalisti e botanici, ma anche personaggi con la passione del giardino, in villeggiatura in Liguria tra la seconda metà dell’Ottocento e la prima del Novecento.

Nelle due giornate di studio, introdotte dal direttore scientifico del Convegno, l’architetto paesaggista Maria Chiara Pozzana, si alternano esperti in materia con il racconto della “colonizzazione” degli inglesi in villeggiatura, attratti dal clima e dalla natura. Una natura dove era possibile coltivare all’aperto palme, agrumi e specie subtropicali che a Londra crescevano solo nelle serre dei Kew Gardens. O trovare quei fiori che, essiccati, finivano nei cahier de voyages o custoditi nelle biblioteche.

Villa Marigola – ph. Dario Fusaro – Courtesy Crédit Agricole

Si scopre anche che i Giardini Botanici Hanbury di Capo Mortola, a Bordighera, sono stati luogo d’incontro di biologi e ancora oggi vi si coltivano progetti sulla conservazione della biodiversità. I Giardini di Villa della Pergola ad Alassio, appartenuti anch’essi alla famiglia Hanbury, hanno la più grande collezione europea di agapanti e 34 varietà di glicini.

La nascita di molti giardini è stata opera di signore inglesi. Da Ellen Wilmott, tra i maggiori esponenti della corrente del “giardino naturale”, che ha lavorato a Villa Piacenza Boccanegra di Ventimiglia, a Clarence Bicknell, vissuta tra la Riviera Ligure e le Alpi Marittime, nota per gli acquarelli botanici corredati di precise classificazioni.

Redazione NEOS

Latest posts by Redazione NEOS (see all)