Gli ultimi avvenimenti, ormai tristemente noti a tutti, in cui sono stati coinvolti lo scrittore Antonio Scurati e la collega Serena Bortone, sono un attacco plateale e protervo all’informazione. Si vuole trasformare l’Italia in una sorta di Ungheria, dove chi osa protestare contro le leggi liberticide finisce in galera e ci resta ammanettato per sempre, seguendo le orme di Orban?

La Neos invita tutti i suoi soci, amici e colleghi a protestare nelle sedi opportune (siti, blog, pagine social e media a cui collaborano) contro la condotta efferata e liberticida del Governo e della Rai che è in netto contrasto con la libertà di stampa, di informazione e di opinione sancita dalla Costituzione, nata dalla Resistenza e di cui il 25 Aprile è la più alta espressione.

Invitiamo anche a leggere, rileggere, meditare e diffondere con ogni mezzo il testo integrale del monologo scritto da Antonio Scurati, oscurato da chi che pensa di poter cancellare la storia e vuole mettere il bavaglio alla libera informazione e alla Rai che un tempo era di tutti e tale dovrebbe rimanere.

Costituzione art 21
Redazione NEOS

Latest posts by Redazione NEOS (see all)