Share Button

scavi di Ercolano di notte – foto © Mimmo Torrese

Per celebrare il 90° anniversario dalla campagna di scavo avviata da Amedeo Maiuri, lungimirante studioso e Soprintendente mosso dalla sfida di trasformare la città antica in un museo all’aria aperta, il Parco Archeologico di Ercolano e l’Herculaneum Conservation Project organizzano una giornata speciale nella città degli scavi. Due gli eventi previsti per avvicinare il pubblico alla storia degli scavi tramite nuovi studi e l’arte contemporanea.
La presentazione di un  libro a cura di Domenico Camardo e Mario Notomista: “Ercolano 1927 – 1961. L’impresa archeologica di Amedeo Maiuri e l’esperimento della città museo” edito da L’Erma di Bretschneider. Grazie all’Herculaneum Conservation Project, che da oltre 15 anni si sta occupando dello studio e della conservazione dell’antica città, gli autori si sono quotidianamente confrontati con gli straordinari lavori di scavo e restauro realizzati ad Ercolano tra il 1927 e il 1961.
L’appuntamento partirà alle ore 11,00 e si svolgerà all’interno dell’Antiquarium degli scavi di Ercolano.
I saluti istituzionali saranno del Direttore del Parco Archeologico di Ercolano, Francesco Sirano, del Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei, Massimo Osanna e del Manager dell’Herculaneum Conservation Project, Jane Thompson. Previsti anche gli interventi di Giovanni Carbonara, dell’Università degli Studi di Roma “Sapienza”, Umberto Pappalardo, dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa e Mario Torelli, dell’Università degli Studi di Perugia.

Amedeo Maiuri – courtesy scavi di Ercolano

La giornata si concluderà alle ore 15 con l’inaugurazione della mostra “Maiuri Pop-up: Scavare”, un percorso itinerante nella città antica dalla biglietteria del Parco Archeologico alla bottega di Messenius Eunomus, dove sarà allestita una ricostruzione evocativa dello studio di Amedeo Maiuri, grande pianificatore dell’immagine di Ercolano così come la conosciamo oggi. Prevista anche la presenza del sindaco di Ercolano, Ciro Bonajuto, e del Sottosegretario di Stato del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Antimo Cesaro. Interverranno anche il direttore artistico della mostra, Michele Iodice e Andrew Wallace-Hadrill, Università di Cambridge.
Questa seconda puntata degli allestimenti “pop-up” per i visitatori del sito, che parte dalla volontà di celebrare la straordinaria avventura archeologica di Amedeo Maiuri e la sua formidabile sfida di trasformare una città antica in un museo all’aperto, amplia il percorso di visita mirato alla riscoperta condivisa del Parco Archeologico di Ercolano aggiungendo un nuovo tassello e un momento di dialogo con la programmazione e la visione strategica di Maiuri attraverso un’interpretazione basata sulla sensibilità artistica di Michele Iodice.

Info: Parco Archeologico di Ercolano
Corso Resina 80056 Ercolano -Na-
www.ercolano.beniculturali.it