Facile criticare superficialmente qualcosa o qualcuno che non ci piace, meno facile fare una critica costruttiva. Difficile criticare qualcosa o qualcuno che si ama, soprattutto se si vuole fare una critica costruttiva. E’ il caso di Italia addio, l’ultimo libro di Angelo Tondini, giornalista e fotografo. Già nelle scritte di copertina s’intuisce il modo di pensare dell’autore: 1565 motivi per lasciare il Belpaese. Promemoria per il governo. Dove andare a vivere? Tre temi che fanno pensare a una critica fondata su molti elementi, ma suggeriscono anche possibili soluzioni, compresa quella di trovare un luogo dove vivere in alternativa. Ma quel cuore con il tricolore svela anche l’amore di Tondini per il suo Paese, confermato nell’introduzione. I 1565 motivi, dai più futili ai più impegnativi e profondi, raccontano l’Italia e gli italiani, i difetti, i preconcetti, gli sbagli, le debolezze. Sono pensieri dell’autore ma anche frasi di scrittori, filosofi, opinionisti, italiani e stranieri. Tra cui quello famoso di Indro Montanelli riportato anche sul retro di copertina “Non è vero che si difende il proprio Paese senza discuterlo, lo si difende meglio parlando dei suoi difetti” che forse è la motivazione che ha spinto Tondini a scrivere il libro. A chiusura, sei luoghi nel mondo dove andare a vivere, con informazioni pratiche e non solo, scelti per clima, costo della vita, facilità di comunicazione, accoglienza, legami culturali. Un’analisi precisa che può scrivere solo chi, come Tondini, in 50 anni ha visitato 170 paesi, alcuni dei quali più volte, in circa 350 viaggi. Un libro che si legge velocemente e con piacere, in cui ritrovarsi e su cui riflettere. Che non sentenzia mai, ma gioca spesso sul filo dell’ironia.

Angelo Tondini Quarenghi

Italia addio

Edizioni Il Pegaso

267 pagine

20 euro(spedizione inclusa)

Info:angelotondini7@gmail.com

Redazione NEOS

Latest posts by Redazione NEOS (see all)