Alta Badia
Armentara e gruppo di Fanes – Ph. Mario Verin

Qui lo conoscono in molti l’ospizio Santa Croce, in ladino Santa Crusc, con i tre giganteschi crocifissi di legno che brillano al tramonto per effetto dell’enrosadira. E’ la magica vernice dorata che spalma i monti di Fanes un attimo prima che scenda il buio e accende una luce rosa sulla imponente bastionata di rocce.

Alta Badia
Ospizio Santa Croce – Ph. Mario Verin

Luogo mistico. Se si alza lo sguardo, impressionante, per la vicinanza delle pareti. Qui nel 1968  Reinhold Messner vinse la sua personale battaglia col sesto grado, superando in libera il cosiddetto passaggio impossibile sul Pilastro di Mezzo. Ma restando con i piedi in terra, grande è l’emozione di camminare sopra la linea del bosco dove ondeggiano i prati dell’Armentara. Si snoda lungo un sentiero bucolico d’altri tempi, tutt’altro che verticale, punteggiato da baite rimaste come erano cento anni fa, costruite con i tronchi di abete che s’incastrano sui quattro angoli.

Alta Badia
Via Crucis Ospizio-La Val – Ph. Mario Verin

Ripercorre un’antica Via Crucis tra infinite varietà di fiori di montagna, quando il prato non è falciato. Tuttora usati dai contadini badioti, questi fienili offrono un paesaggio ancora più magico d’inverno quando  la neve gli si accumula intorno ricoprendoli in parte. L’itinerario è ben segnalato anche quando diviene percorribile con le ciaspole (segnavia 15, poi 15A). In autunno, invece, tutta la bellezza è conquistata dai larici rossi e dal silenzio di una stagione di mezzo.

Alta Badia
La Val – Ph. Mario Verin

Ecco le istruzioni per goderne l’atmosfera. A Badia, non lontano dalla chiesa di San Leonardo, bell’esempio di barocco tirolese, si sale con gli impianti a Santa Croce. Qui, anche se la gita non è ancora cominciata, è d’obbligo fermarsi ai tavoli dell’ospizio per assaggiare, mentre si studia il percorso sulla cartina, il famoso Keiserschmarren, la frittata dolce servita con marmellata di mirtilli rossi.  Si dice che quello di Santa Crusc sia il miglior Keiserschmarren dell’Alta Badia. Ci sarà tempo  sufficiente per digerire. L’itinerario, benché pianeggiante e in lieve discesa, è lunghissimo se lo si percorre interamente fino a la Val (10 km, circa 3 ore). Se non ci si è organizzati prima, lasciando una seconda auto per esempio a Tolpei, dove c’è la deliziosa Pieve di Santa Barbara, bisogna scendere a Pederoa, all’incrocio con la statale, dove si ferma l’autobus che riporta a Badia-Pedraces.  

 

Castelli Gattinara Giulia
Appassionata di montagna e di deserto, ha girato il mondo col marito Mario Verin (noto alpinista e fotografo) realizzando reportage avventurosi per le riviste Alp e Airone. Col tempo ha collaborato con numerose testate: Geo, Meridiani, Il Venerdi di Repubblica, Specchio della Stampa, D Donna, Tuttoturismo, In Viaggio, Ligabue Magazine e riviste straniere (Grands Reportages). Ha seguito la missione archeologica italiana nel deserto libico pubblicando articoli e libri. La sua storia professionale è cominciata con il Giornale dell'Arte (Allemandi). Oggi collabora con il Touring Club (Guide Verdi e progetto Autostrade "Sei in un paese meraviglioso scoprilo con noi). Ha pubblicato vari libri, gli ultimi: Selvaggio Blu sul famoso trekking in Sardegna (Spanu 2013) e la guida 111 Luoghi di Milano che devi proprio scoprire" (Emons 2015). Tiene conferenze e videoproiezioni sui suoi viaggi.
Castelli Gattinara Giulia

Latest posts by Castelli Gattinara Giulia (see all)

Castelli Gattinara Giulia
Appassionata di montagna e di deserto, ha girato il mondo col marito Mario Verin (noto alpinista e fotografo) realizzando reportage avventurosi per le riviste Alp e Airone. Col tempo ha collaborato con numerose testate: Geo, Meridiani, Il Venerdi di Repubblica, Specchio della Stampa, D Donna, Tuttoturismo, In Viaggio, Ligabue Magazine e riviste straniere (Grands Reportages). Ha seguito la missione archeologica italiana nel deserto libico pubblicando articoli e libri. La sua storia professionale è cominciata con il Giornale dell'Arte (Allemandi). Oggi collabora con il Touring Club (Guide Verdi e progetto Autostrade "Sei in un paese meraviglioso scoprilo con noi). Ha pubblicato vari libri, gli ultimi: Selvaggio Blu sul famoso trekking in Sardegna (Spanu 2013) e la guida 111 Luoghi di Milano che devi proprio scoprire" (Emons 2015). Tiene conferenze e videoproiezioni sui suoi viaggi.
Vai alla barra degli strumenti