shabat shalom
Eatwith a Tel Aviv Credit Kfir Bolotin

Si chiama Shabbat Dinner Project il programma che accoglierà i turisti con le cene tradizionali di Shabbat nelle case degli abitanti di Tel Aviv, in occasione della vigilia dell’Eurovision Song Contest il 17 maggio prossimo.

Shabbat, il sabato ebraico, è il settimo giorno della settimana contando dalla domenica ed è la più importante delle ricorrenze del calendario ebraico che scandisce settimana per settimana il ritmo dell’anno nella vita individuale, famigliare e in quella della comunità. In questo giorno uomini e donne devono dedicarsi a se stessi per stare con i propri familiari e gli amici, a studiare e riposare.

La Municipalità di Tel Aviv-Yafo, in collaborazione con Eatwith, vuole offrire a tutti i turisti (stimati 10.000 arrivi) qualunque sia la loro provenienza, l’esperienza di un’autentica cena di Shabbat in casa di una famiglia di Tel Aviv. Sarà un’occasione per entrare in contatto con la cultura locale e le tradizioni ebraiche.

Ron Huldai, sindaco di Tel Aviv-Yafo, ha dicharato: “Stiamo lavorando duramente per assicurarci che l’Eurovision Song Contest sia un’esperienza indimenticabile per tutti, inclusi i residenti che vogliono partecipare a questo grande boom turistico. Lo Shabbat Dinner Project è uno dei tanti modi di mettere in relazione migliaia di turisti con le famiglie di Tel Aviv, mostrando loro la splendida tradizione ebraica dello Shabbat in Israele. Io stesso ho già avvisato Yael, mia moglie, di non prendere impegni per il venerdì prima della finale dell’Eurovision, dato che saremo impegnati a cucinare!”.

Gli ospiti internazionali potranno scegliere tra tre opzioni:

  1. Cena di Shabbat come ospiti di una famiglia (fino a 6 persone);
  2. Proud Shabbat Dinner: Eatwith e il Tel Aviv Municipal LGBTQ Center invitano gli ospiti a una cena di Shabbath LGBTQ-friendly presso una famiglia locale;
  3. Community Shabbat Dinner: residenti e turisti sono invitati a partecipare a una cena di Shabbat in uno dei centri ricreativi della città.

“La tradizione culinaria di Tel Aviv è decisamente straordinaria. In questi ultimi anni Tel Aviv ha ottenuto la palma dello street food e della cucina vegetariana, aspetti che i visitatori dell’Eurovision potranno scoprire in modo inedito” ha dichiarato Avita Kotzer Adari, direttore dell’Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo.

Agli ospiti sarà richiesto un piccolo contributo di 50 NIS (poco più di €12) per poter prenotare un posto, con il ricavato che andrà interamente ai padroni di casa. Ospiti e turisti potranno registrarsi cliccando qui.

Per organizzare un viaggio a Tel Aviv, con anche un’occhiata a Gerusalemme, clicca qui. 

 

 

 

 

Redazione Neos

Redazione Neos

Redazione Neos

Latest posts by Redazione Neos (see all)